Blog, Comparatore

Milano, città aperta: far la spesa nella settimana di Pasqua

Grazie al coronavirus la città scopre le piccole botteghe.

A Milano numerosi esercenti (vedi lista) consegnano a domicilio i beni di prima necessità. Mentre le ordinanze restano in vigore, i grandi sistemi di spesa online non riescono a sostenere le richieste dei cittadini. Dunque la capitale della Lombardia si popola di negozi del quartiere che portano la spesa a casa dei cittadini.

Garantiti i servizi considerati essenziali per i cittadini, ecco come i gestori si sono organizzati localmente per rifornire la comunità attraverso il servizio a domicilio.

Cominciamo questo viaggio con Milano, la grande città che ha sicuramente risentito maggiormente del colpo inferto dal Coronavirus.

Intraprendenti e pragmatici per natura, i cittadini e l’Amministrazione si sono dimostrati in grado di trovare soluzioni concrete e rapide (vedasi la costruzione lampo dell’ospedale anti Covid-19) a quelle esigenze che durante il primo mese intero di quarantena si sono palesate con tutta la loro urgenza.

 

La Mappa degli esercizi aperti a Milano 

A dimostrazione dell’efficacia organizzativa, recentemente il Comune di Milano ha pubblicato nel suo sito la mappa interattiva di tutti i negozi rimasti aperti durante l’emergenza, ed organizzati per effettuare consegne a domicilio.

Filtrando per categorie, si nota come tutte le attività principali siano effettivamente coperte, e ben distribuite sul territorio milanese.

Esercizi con consegna a domicilio

Pescherie

Una decina le pescherie impegnate in città, senza sosta. “Chi acquista in negozio non ha cambiato le sue abitudini, mentre i tanti che ordinano a domicilio comprano più prodotti e li congelano” spiega Angelo Valentini, consigliere di Assofood Confcommercio, che ha visto quadruplicare le richieste di consegna a casa.

Ristoranti a domicilio

Nella mappa interattiva, il Comune di Milano pubblica le attività ristorative di vario genere impegnate nella preparazione e nella consegna a domicilio dei prodotti di prima necessità, attività in gran parte delegate a catene dedicate: Foodys.it, Glovo, Deliveroo, JustEat, UberEats, tra le società più utilizzate.

Ortofrutta

Oltre 100 ortolani e fruttivendoli al lavoro, ben il 90% effettua consegne. “L’obbligo di rimanere a casa – spiega Gianluigi Zaffaroni, presidente dei dettaglianti ortofrutticoli di Confcommercio – spinge le persone a dedicarsi di più alla cucina. Per questo aumentano le richieste di prodotti, soprattutto verdure, che di solito sono acquistati di meno perché necessitano di lavorazioni lunghe. E cresce l’attenzione per la qualità”.

Macellerie

Tutte le 80 macellerie presenti a Milano sono all’opera regolarmente, poiché non bloccate dalle restrizioni. Secondo l’Associazione macellai di Confcommercio, il modo di fare la spesa è diverso: “Si compra di più con meno frequenza e aumentano le richieste per la consegna a domicilio”.

Panetterie

Dei 120 panifici dell’Associazione panificatori di Confcommercio Milano, circa il 10% continua a consegnare a domicilio. Oltre al pane, i forni vendono i tipici dolci pasquali (colombe in primis).

Enoteche

Circa la metà delle 50 enoteche milanesi effettua consegna a domicilio. “Si tratta di un servizio già previsto, soprattutto sotto le feste, ma ora le richieste sono moltissime“, spiega Massimo Malfassi, vicepresidente di Assofood Confcommercio Milano, che nella sua enoteca riceve circa 60 chiamate di clienti al giorno.

Caffè e torrefazioni

Caffè, cialde, capsule e prodotti torrefatti sono regolarmente assicurati per le consegne a domicilio. La mappa del Comune ne evidenzia molti noti, da La Bottega del caffè a La Cialdina, da Matic alla storica Torrefazione Hodeidah.

 

Supermercati aperti nella settimana di Pasqua

Nessun problema per la settimana feriale, la domenica (giorno di Pasqua) soltanto Coop e Pam Panorama terrebbero chiusi i negozi dare per ai dipendenti tempo di riposo in più e effettuare una pulizia accurata nei punti vendita.

  • Esselunga: Lun-sab h 7.30 – 22. Domenica dalle 8 alle 15.
  • Carrefour: Lun-sab h 7.30 – 20. Domenica dalle 8.30 alle 15.
  • Coop: Lun-sab h 8.00 – 20 (alcuni h 8.30 – 19.30). Domenica CHIUSO.
  • Pam-Panorama: Lun-sab h 8.00 – 20. Domenica CHIUSO.
  • Conad: Lun-sab h 8.30 – 20.30 (alcuni h 8.30 – 20). Domenica dalle 9 alle 13.
  • Lidl: Lun-sab h 8.00 – 20.00. Domenica CHIUSO
  • Il Gigante: Lun-sab h 8.00 – 21.00. Domenica dalle 8.30 alle 13.30.
  • In’s: Lun-sab h 8.30 – 20.00. Domenica dalle 9 alle 13.

 

Spesa al supermercato
Spesa al supermercato

Altre iniziative dei Supermercati milanesi

Si moltiplicano in questi giorni le iniziative dei Supermercati per andare incontro a coloro che si trovano più in difficoltà.

Coop Lombardia

Con CoD@Casa, la Coop permette di prenotare online l’ora in cui fare la spesa per evitare la fila. Da lunedì 6 aprile, presso 5 negozi di Milano (Ipercoop in piazza Lodi, Bonola e Baggio più i superstore di Arona e Palmanova) basta accedere al sito del negozio, registrarsi e scegliere la fascia oraria (il numero è limitato), per poi presentarsi con una ricevuta all’ingresso.

Esselunga

A partire dal 1° aprile, Esselunga aggiunge ai buoni che saranno distribuiti dai Comuni uno sconto del 15% sulla spesa complessiva; non solo, istituisce una corsia preferenziale, con priorità di ingresso e una cassa dedicata, per i clienti over 65, disabili e donne in gravidanza.

Carrefour

Ecco un elenco di negozi Carrefour express che portano la spesa a domicilio: via Edolo 26 (tel 338 72 54 499); via Grossich 3 (tel 366 75 47 254); via Gianella 21 (tel. 388 72 54 499); via Sismondi 35 (tel 366 69 96247).

Si può ordinare la spesa al telefono, scegliendo su un catalogo con ottanta prodotti di prima necessità, e riceverla a casa al massimo entro la mattina successiva. Il servizio è riservato ai cittadini che abbiamo più di sessant’anni.

Filaindiana e Dovefila, le App che “vedono” le code al supermercato

Creato dalla startup Wiseair, il sito FilaIndiana.it è la piattaforma che permette di verificare – in tempo reale – quali siano i tempi di attesa fuori dai supermercati di Milano (nato per i cittadini lombardi, poi esteso a tutta Italia), monitorando le persone che si trovano in coda. Disponibile anche l’App per smartphone.

Filaindiana.it
Filaindiana.it

Un’altra web-app interessante è DoveFila, pensata per tutti coloro che hanno necessità di fare la spesa, anche qui con l’obiettivo di non trascorrere troppo tempo in coda. Si può usare sia dallo smartphone che dal computer e anche in questo caso è necessario avere il GPS attivo in modo che il segnale possa indicare i negozi vicini.

Dovefila.it
Dovefila.it

Il Foodcrossing: l’iniziativa solidale in zona 4

Il servizio di Foodcrossing, messo in piedi dai residenti della zona 4 di Milano, per scambiare generi di prima necessità tra i cittadini del quartiere è solo una delle ultime iniziative sociali per aiutare chi si trova in difficoltà.

Viveri e generi di prima necessità vengono raccolti presso la tabaccheria di via Fiamma, per poi essere redistribuiti agli abitanti della zona 4.

Pagina 1 di 1

You Might Also Like